Archivi Blog

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 09_08_2017

una immagine del progetto vincitore di Gian Luigi Sylos Labini

Il lungomare nell’epoca dell’accumulo _ Delusi per l’assenza di Boeri

L’assenza si è notata. Scelto anche (ma non soltanto, è chiaro…)  per dare lustro e un pizzico di glamour al concorso internazionale di idee per il lungomare di Bari vecchia, Stefano Boeri – «quello che raddrizza i boschi», come dicono a Milano – ha dato buca. Non c’era, lunedì scorso alla seduta pubblica della giuria che ha presieduto. Sicché la proclamazione del vincitore è toccata farla all’architetto Loredana Ficarelli, prorettore del Politecnico di Bari.

continua a leggere

Annunci

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 28_06_2017

L’edificio di via Giandomenico Petroni

A Madonnella è il Moderno che dà l’esempio _ Un’opera di Stefano Serpenti 

«Dovevano farlo rosso, come quelli confinanti. Perché l’hanno dipinto di grigio?». Fa discutere i passanti un fabbricato nuovo di zecca in via Giandomenico Petroni, nel quartiere Madonnella. Nelle battute dei cittadini, critiche e apprezzamenti e auguri ai nuovi arrivati, c’è tutto il senso della dimensione pubblica dell’architettura. È il senso della democrazia urbana, che legittima lo spazio comune ed obbliga i progettisti (e i loro committenti) ad una responsabilità civica. C’è chi pensa che questa sia una limitazione della libertà individuale. Ma – ci chiediamo – così come la proprietà privata è garantita nei limiti della sua funzione sociale (è l’articolo 42 della Costituzione della Repubblica italiana), può mai esprimersi una architettura indifferente ai vincoli che impone il contesto ambientale? È questa però la tendenza “neoliberale” che prende le forme dell’«archistar system», contro cui punta l’indice Vittorio Gregotti nel saggio «Il sublime al tempo del contemporaneo» (Einaudi ed.):  «Storia, contesto, ideali politici di progresso civile  – scrive Gregotti – vengono considerati da una parte della cultura architettonica, i principali ostacoli all’iniziativa dei soggetti e alla loro libertà di rappresentare positivamente i valori dello stato dei poteri».

continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 29_06_2016

S. Anna, assonometria dal progetto di Pietro Colonna

S. Anna, assonometria dal progetto di Pietro Colonna

Per fare la città non ci resta che la periferia _ S. Anna, natura e architettura

Che sarebbe di noi se non avessimo le periferie? Una catastrofe. Intanto, le città non avrebbero più un centro perché il centro sarebbe l’intera città. E sarebbe una città monotona: senza differenze di valore, anche il lavoro degli agenti immobiliari sarebbe di una noia pazzesca. Diciamolo: altro che risolvere il problema delle periferie! Teniamocele care, se vogliamo città vitali. Al di là del paradosso: non si può certo stare sempre a discutere di via Sparano! Per fortuna c’è Enziteto, graziaddio abbiamo problemi incancreniti al San Paolo, per tacere di Japigia, che i veterani del quartiere ancora chiamano «il Giappone», ricordando i tempi in cui – essendoci solo un raro autobus numero due – la distanza dal centro era tale da convincersi di vivere in un altro mondo.

continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 23_03_2016

La nuvola. Antenne a Salerno, progetto di Antonella Mari

La nuvola. Antenne a Salerno, progetto di Antonella Mari

Ma dove vanno gli architetti con i loro progetti? _ A Bari i consulenti, lontano i concorsi

 

Ma cosa fanno gli architetti baresi? Partecipano ai concorsi in Italia e nel mondo. Dappertutto, raramente a Bari, dove i concorsi sono una eccezione. La regola è invece l’affidamento diretto di incarichi di progettazione. Pensiamo alle ultime consulenze per il teatro Margherita, il Mercato del pesce e il Polo bibliotecario alla Rossani: un fenomeno sul quale riflettere, soprattutto quando vogliono convincerci che non si tratta di scelte politiche ma di decisioni prese in assoluta autonomia dai funzionari, dai dirigenti degli uffici, per effetto della legge Bassanini. I casi sparuti di concorso a Bari, d’altra parte, confermano la tendenza a ridurre gli architetti locali al ruolo di valletti delle ambite archistar, se non ad escluderli del tutto con bandi di gara concepiti per le supercorazzate dei lavori pubblici. Qui non si tratta, è chiaro, di protezionismo degli indigeni in quanto tali ma di una questione di democrazia.

continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 08_05_2013

Un render del progetto di Cellini

Un render del progetto di Cellini

Chi l’ha detto che il ferro non è acqua? _ «Baricentrale» secondo Cellini

E se il fiume di ferro non fosse una metafora? Se Bari fosse tagliata in due da un Tevere, un Arno, un Adige qualsiasi, come si potrebbe risolvere il problema del collegamento tra il nord e il sud della città?

È questa la domanda che si son fatta l’architetto Francesco Cellini e il gruppo di progettisti impegnati nel concorso «Baricentrale». La gara internazionale di idee è stata vinta – come è noto – da Massimiliano e Doriana Fuksas, ma ciò non vuol dire che sugli altri nove progetti concorrenti debba scendere un sipario di indifferenza. Anzi, alcuni di essi offrono idee interessanti e intuizioni istruttive. E il paragone con il vittorioso Fuksas potrebbe essere utile anche all’amministrazione comunale che dovrà decidere cosa fare dopo le idee, come passare all’azione. continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: