Archivi Blog

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 05_07_2017

L’occupazione. Aprile 2014: nella ex Caserma Rossani, con il paesaggista francese Gilles Clement (al centro) [foto Christian Rotola]

Nella Rossani a lezione di beni comuni _ Le tracce di Stefano Rodotà

L’Esercito ha ceduto al Comune un suolo che si era conservato nella ex Caserma Rossani, insieme a una dozzina di appartamenti. Serve ad aprire un accesso diretto da via Giulio Petroni al futuro parco urbano. L’accordo è stato annunciato con soddisfazione dall’assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso: «Si tratta di un obiettivo fortemente voluto dall’amministrazione comunale», ha detto. Nessun riconoscimento a chi questa opportunità l’ha creata.

continua a leggere

Annunci

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 07_06_2017

passeggiata del Pug a S. Cataldo

Dimmi tre parole e ti farò una città nuova _ Il «Pug» e la partecipazione

Spazio pubblico, paesaggio e collegamenti: si può racchiudere in questi tre concetti il senso delle attività di partecipazione sul Piano urbanistico generale (il Pug) di cui oggi si presenta il rapporto finale.

continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 15_03_2017

La Sirenetta a mare progetto degli architetti Chiaia e Napolitano 1957_1960

Mare di Levante prigioniero del passato ostile _ Parco urbano o lottizzazioni?

Sempre alla ribalta il futuro della costa di Levante. Progetti, studi e convegni si rincorrono e tutti insieme tentano il sorpasso, per arrivare al traguardo prima del nuovo piano urbanistico generale. Per mettere l’Amministrazione comunale e i suoi tecnici di fronte al fatto compiuto, secondo una strategia che fu già messa in atto con successo ai tempi del piano Quaroni.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 04_01_2017

discarica sulla costa palermitana di S. Erasmo

Senza cittadini il mare non bagna Bari nè Palermo _ Le analogie di Salvatore Settis

Le città di mare si assomigliano. E anche Bari, benché priva di un golfo, ha tratti comuni con altre città d’acqua, nel bene e purtroppo anche nel male. Per esempio, e rispettate le necessarie proporzioni, sia Bari che Palermo hanno una costa (in entrambi i casi a sud-est del centro urbano) segnata da forte degrado ambientale, sul cui futuro si discute da tempo e oramai – nella stagione della «riqualificazione  urbana» – con una certa insistenza.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 28_12_2016

img_0178-27-12-16-05-00-1Il «no» di Helsinki al Guggenheim fa eco alla Rossani _ Studio di fattibilità: una trappola

Non si va lontano con gli studi di fattibilità. Perché non danno nessuna garanzia di qualità e, a ben guardare, nemmeno assicurano il buon esito di un concorso di architettura o di un appalto di lavori pubblici. Di esempi ce n’è a bizzeffe, in Italia e in Europa. Perciò gli amministratori comunali di Bari farebbero bene a fermarsi un attimo, a riflettere sul senso e l’efficacia di questo prodotto ibrido, a mezzo fra l’economia e l’ingegneria, che finisce per camuffare l’intenzione politica sotto una maschera tecnocratica, apparentemente neutra. Materia sfuggente: quando i risultati vengono divulgati, se piacciono è già un progetto, altrimenti «è solo uno studio di fattibilità, non impegna nessuno, poi si farà il concorso». L’abbiamo già sentito dire a proposito delle idee per la riqualificazione del lungomare.
continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: