Archivi Blog

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 03_04_2013

mangini margherita

L’efficace schizzo di Onofrio Mangini del progetto di concorso per l’area del Ferrarese

Il Margherita e la grammatica dei sentimenti

La grammatica ha un grande potere: cambia le carte in tavola. Certe volte basta un plurale per far rientrare dalla finestra quel che è uscito dalla porta. Prendiamo il caso del Bac. L’acronimo stava per Bari Arte Contempranea, ora sta per Bari Arti Contemporanee. Ma sempre Bac rimane, così non è chiaro se il vecchio sia stato sepolto oppure sia sempre vegeto, oppure sia uno zombie che continuerà a disturbarci i sogni.

La vecchia sigla indicava il museo ipotizzato due anni fa e al quale doveva essere destinato il teatro Margherita, modificato per l’abbisogna secondo i disegni dell’architetto David Chipperfield. Il progetto è naufragato per l’opposizione della Regione Puglia che, chiamata a cose fatte a metterci tutti i soldi necessari, non ha trovato per niente convincente né conveniente la fondazione pubblica-privata che avrebbe dovuto gestirlo.

Ora che il teatro Margherita (di proprietà del Demanio) è stato permutato con l’ex Macello e l’ex Frigorifero comunale, sedi dell’archivio di Stato e della Biblioteca nazionale, si può inseguire uno degli obiettivi del Patto per Bari firmato il 9 gennaio scorso da Vendola e da Emiliano. Parliamo del cosiddetto Miglio dei teatri. «Al teatro Margherita, inutilizzato da molti decenni,- si legge nel Patto – va affidata, dopo una adeguata ristrutturazione degli spazi, la funzione di laboratorio mediterraneo del teatro, della danza e delle arti sceniche e visive, una casa da offrire alle realtà produttive cittadine in cui convergano multidisciplinarietà, innovazione e sperimentazione delle arti contemporanee». continua a leggere

Premio Apulia 2011 _ Presentazione e premiazione dei progetti vincitori

Il progetto vincitore della sezione committenza privata (Casa Petrini-Villani a Polignano, progetto di Antonella Mari)

Domani, Martedì 18 agosto2012,  si terrà la giornata di presentazione e premiazione dei progetti vincitori della prima edizione del Premio Apulia per le opere di architettura e urbanistica.

La giornata di premiazione avrà luogo a partire dalle ore 9.30  presso l’ex Palazzo delle Poste (P.zza Cesare  Battisti, Bari) e vedrà la partecipazione del Presidente della regione Puglia On. Nichi Vendola e dell’assessore regionale all’Assetto del Territorio Angela Barbanente.

L’assessore Angela Barbanente introdurrà e coordinerà la giornata. Il Premio, istituito dalla legge regionale 14/2008, è annuale e si articola in due sezioni riservate rispettivamente a giovani progettisti under 40 e alla commitenza privata.
L’iniziativa sarà occasione per tracciare un profilo dell’architettura contemporanea in Puglia grazie agli interventi di profondi conoscitori dell’architettura e dell’urbanistica pugliesi e di progettisti che ad essa hanno significativamente contribuito. La sessione del pomeriggio darà anche conto degli strumenti legislativi che la Regione Puglia e il Ministero dei Beni Culturali hanno messo in campo per perseguire la qualità in architettura e ospiterà un forum sulle sfide che i giovani progettisti pugliesi sono chiamati ad affrontare. I progetti premiati sono stati raccolti nel volume ” Premio Apulia 2011 / 11 progetti di architettura realizzati in Puglia” (a cura di Michele Cera, progetto grafico di Ivan Abbattista, edito da Libria), che sarà presentato nel corso dell’evento.

Paesaggi Luoghi Scenari _ convegno

Locandina dell’evento

Venerdì 8 giugno e sabato 9 giugno 2012 nell’Aula Magna “Attilio Alto” del Politecnico di Bari si terrà un convegno dal titolo Paesaggi Luoghi Scenari.

Il convegno è a cura del Museo della fotografia del Politecnico di Bari.

Dalla fine degli anni ’70 un numero sempre più ampio di Fotografi italiani si è occupato di Paesaggio, non più inteso come genere, ma come osservazione diretta e privilegiata dell’esterno.

Le visioni eterogenee dei Fotografi, frutto di una mediazione dinamica con la realtà, fanno emergere l’analisi della complessità del Paesaggio contemporaneo, la cui rappresentazione è apparsa, nelle immagini prodotte, più interrogativa che risolutiva. L’attenzione alle periferie, ai non-luoghi, alle città e ai segni delle trasformazioni del territorio induce questi autori ad abbandonare il lessico e la sintassi tradizionali, sino a quel momento riconoscibili anche al senso comune, per sperimentare nuove poetiche e nuove strategie visive. Il dissesto idro-geologico, i processi di antropizzazione diffusa, lo sfruttamento intensivo del territorio favorito dall’incuria e dalla cultura del profitto, oltre a rappresentare una minaccia per l’intero sistema, causano mutazioni straordinariamente rapide del paesaggio considerato come valore e come risorsa. I rapidi processi su indicati convivono già da alcuni anni con le grandi innovazioni dei mezzi di “produzione” della rappresentazione, tanto da rimanerne condizionati, sviluppando nuove modalità ed abitudini di vita. L’interazione tra paesaggio e tecnologia ci pone continuamente di fronte a problemi di modelli di riconoscimento. Il rischio è quello di precipitare nell’afasia visiva, una sorta di incapacità di vedere oltre lo sguardo. Lo strapotere mediatico e tecnologico minaccia “l’abilità” del saper essere spettatori, del “guardare” la città e la natura, percependone le macro e le micro-trasformazioni, saper leggere gli scollamenti, le disgiunzioni, le stratigrafie del passaggio tra vecchio e nuovo.

Trasformazioni così rapide del territorio, sovente condizionate dalla penetrazione delle tecnologie e dalle consuetudini e necessità spesso variabili, ribaltano completamente il mito rinascimentale dell’uomo “modellatore della natura”, o quello peggiore, modernistico, della demolizione dei modelli rurali per sostituirli con quelli industriali e post-industriali dei consumi e dei falsi bisogni. Il sovvertimento del ruolo porta a rivedere l’antica centralità dell’uomo nella progettazione e determinazione del paesaggio.

Lo studio di nuovi modelli sociali e l’attitudine alla percezione dell’ambiente riconosce al Paesaggio la sua funzione rappresentativa. Questo conferimento assegna all’uomo un ruolo fondamentale ai fini della ri-costruzione del territorio, a cui viene riconosciuto non solo la dignità di bene, come recita la normativa, ma lo carica di tutti quegli aspetti simbolici e semantici dei più svariati linguaggi che un’immagine può restituire. Nascono, per fortuna dico io, propensioni a riportare l’uomo al centro dell’attenzione, a non considerarlo più come un antagonista ostile alla natura. Gli scenari naturali o l’interno dell’abitazione diventano spesso i luoghi privilegiati della “narrazione” visiva.

Il Convegno si propone di analizzare il  Paesaggio nelle sue mutazioni, il suo orientamento e il suo sviluppo, individuando alcune tra le possibili forme contemporanee della sua rappresentazione visuale, ma anche di riconoscere i punti di forza della sua funzione di grande Teatro in cui una percezione indubbiamente diversa dal passato ha assegnato all’uomo il duplice ruolo di spettatore/attore.

“Guardare il Paesaggio non è mera contemplazione, ma è un processo altamente selettivo, nel quale l’attore raccoglie indicazioni sul modo in cui, nel suo rapporto con il mondo, deve agire per soddisfare i suoi bisogni o interessi” (Charles Morris) .

 

Pio Meledandri

Direttore Museo Fotografia Politecnico di Bari

Di seguito il programma completo del convegno:

8 giugno
Ore 10,00
Saluto di Nicola Costantino Magnifico Rettore Politecnico di Bari
e di Nichi Vendola Presidente Regione Puglia.
Con la partecipazione di Angela Barbanente – Assessore Regione Puglia –
Qualità del Territorio, Paesaggio, Aree Protette, Musei e Archivi –
Relatori:
• Dino Borri docente di Ingegneria del Territorio – Politecnico di Bari
“Aspetti territoriali dell’ingegneria della conoscenza” –
• Giovanni Chiaramonte Fotografo, docente di Fotografia – IULM di Milano
“Il sacrificio del Paesaggio”
• Francesca Fabiani Responsabile Collezioni di fotografia del Museo MAXXI Architettura
“Fotografia e Paesaggio, politiche di acquisizione e di esposizione del MAXXI”
Ore 13 e 30 Pausa pranzo
ore 15,30
interventi:
• Vincenza De Nigris Fotografa, docente precaria di Fotografia “Visioni e innovazioni”
• Francesco Selicato docente di Progettazione Urbanistica – Politecnico di Bari-
“Pianificazione del sistema delle coste”
• Maria Pansini Fotografo, docente di lettere e fotografia
“Racconti della città Vecchia: tra genius loci e surmodernità”
Seguirà discussione
Moderatore Pio Meledandri Direttore Museo della Fotografia Politecnico di Bari

9 giugno
ore 9 e 30
• Carlo Garzia Fotografo e responsabile scientifico Associazione
“La Corte, fotografia e ricerca” Bari – “ Il flâneur sospeso, una nuova prospettiva metropolitana”
• Marco Signorini fotografo, docente di fotografia – Accademia di Brera Milano
“Paesaggio e “storia” del quotidiano”
• Roberta Valtorta Storico dell’Arte – Direttrice Museo della Fotografia Contemporanea
Provincia di Milano – “Mutamento del concetto di territorio nei progetti fotografici pubblici
dagli anni Ottanta a oggi. Alcuni esempi ”
Ore 11 Coffee Break
Discussione e Conclusioni
Ore 13,00 Termine dei lavori

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: