Intervista a Bruno Gabrielli

Bruno Gabrielli
Bruno Gabrielli

L’urbanista Bruno Gabrielli ha vinto – con il gruppo di progettisti che dirige – l’incarico di formare il Pug, cioè il nuovo piano regolatore di Bari, quarant’anni dopo Quaroni. In questa intervista spiega come intende fare.

Architetto Gabrielli, conosceva Bari prima di questo incarico?
«Non è  una città che si possa ignorare».
E che idea se ne è fatta?
«Conosco Bari da genovese: qualche affinità esiste. Entrambe città portuali, con gli stessi problemi. In passato vedevo un centro storico desolante, invece oggi lo ritrovo assai vitale».
Quando dice centro storico si riferisce a Bari vecchia?
«Sì, certo… Poi c’è stato il progetto straordinario del Murattiano».
Cosa c’è di straordinario?
«È la modernità assoluta. Nel momento in cui le città uscivano dalle loro mura e non sapevano che fare, qui invece si è saputo operare  con precisione. Poi questa spinta è continuata e ancora oggi Bari è una città moderna e contemporanea, piena di fermenti. Insomma, mi sembra una città ricchissima». continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 20_03_2013

Vista aerea di New York
Vista aerea di New York

Trionfo della città e legge “bella” da palazzinari _ Centro storico o suolo agricolo?

Ai sindaci riuniti lunedì scorso a Bari piace molto il disegno di legge «sulla bellezza» lanciato da Legambiente. Una legge, in realtà, da palazzinari (sia pure di « sinistra immobiliare»)  che asseconda il consumo di suolo fingendo di contrastarlo. È possibile che se ne riparli venerdì prossimo, nel convegno organizzato dall’Ordine degli architetti sul tema «Rigenerare nel paesaggio storico urbano». Tra i relatori c’è Bruno Gabrielli: è la voce dell’Associazione dei centri storici e artistici  ma anche il leader del gruppo che sta già lavorando al nuovo piano urbanistico di Bari. Non si tratta di una coincidenza:  senza dubbio anche la storia professionale dell’urbanista genovese ha pesato nella scelta della commissione che lo ha preferito agli altri blasonati concorrenti: Federico Oliva, Bernardo Secchi e Oriol Bohigas. continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 23_01_2013

Vittorio Chiaia«Ci vuol coraggio per far svettare allegri grattacieli» _ Intervista impossibile a Vittorio Chiaia

«La scacchiera del Murattiano? È opprimente nella sua monotonia». Altro che vincoli diffusi e divieti di demolizione. L’architetto Vittorio Chiaia non usa mezzi termini. «Non ho mai sopportato – dice – i luoghi comuni né arretrato sui miei convincimenti, quand’ero in vita. E figuriamoci ora!». Evocato – è proprio il caso di dirlo – dal fantasma di Bruno Zevi nella intervista impossibile apparsa mercoledì scorso in queste pagine, l’amabile spirito dell’architetto più «americano» che Bari abbia mai avuto (è scomparso 10 anni fa) smentisce la fama di burbero e accetta sorridendo di affrontare un colloquio non improbabile. continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 12_12_2012

In via Dante, Puttyah, immigrato dalle isole Mauritius (foto ULIANO LUCAS)
In via Dante, Puttyah, immigrato dalle isole Mauritius (foto ULIANO LUCAS)

Da Libertà a Murat. La città di Omar e quella di Paperino _ Inchiesta pubblica sul vincolo

Vista dal quartiere Libertà, è tutta un’altra faccenda. E anche il quartiere Murattiano fa tutt’altra figura. Il Libertà è la cattiva coscienza del borgo nuovo. Cresciuto come una moltiplicazione del Murattiano con il suo regime di lottizzazione per isolati allineati e ortogonali, il Libertà è l’immagine di quel che il Murattiano avrebbe potuto essere se la rendita fondiaria e il credito bancario non l’avessero trasformato in un gonfio centro direzionale con molti uffici e tanti negozi, scarsi artigiani e pochi residenti.

Lunedì scorso Francesca Pace, dirigente del servizio Assetto del Territorio della Regione Puglia, ha avviato la procedura di «inchiesta pubblica» sulla proposta di vincolo paesaggistico per i quartieri Murat, Libertà, Madonnella, oltre che Bari Vecchia. Il primo atto è la riunione del comitato regionale, convocata per il prossimo 19 dicembre, che dovrà prendere atto delle osservazioni e nominare un esperto alla guida della fase successiva. C’è già una rosa di nomi e di certo non sarà un barese. Mai come in questo caso – spiega l’assessore Angela Barbanente – ci vuole un occhio esterno, che veda le cose freddamente. E che non sia condizionato – aggiungiamo noi – dai pregiudizi e dalle retoriche.

Nel dibattito che si è sviluppato in queste ultime settimane, il Murattiano ha preso inevitabilmente la scena, Ma è forse nel quartiere Libertà che si gioca la partita decisiva. Lì le demolizioni e le ricostruzioni possono costituire un mercato importante che un vincolo generalizzato – protestano gli imprenditori edili – potrebbe comprimere se non proprio ingessare. E in effetti – riguardo al quartiere Libertà – la proposta di vincolo (sottoscritta anche dal Comune!) appare contraddittoria. Da una parte, inibisce la demolizione di qualsiasi edificio costruito prima del 1942 e prescrive puntigliosamente gli interventi di manutenzione straordinaria. Dall’altra afferma che il quartiere «rimane, nonostante tutto, zona altamente popolata, dove si è stratificata una condizione residenziale oramai di generazioni di cittadini, che hanno prodotto una loro cultura dell’abitare, un loro senso di identità». L’affermazione è di quelle che si approverebbero ad occhi chiusi. Ma, cosa vuol dire identità? Qual è il rischio che si corre a mettere insieme la conservazione (di questo si parla quando si parla di vincoli) e le manifestazioni identitarie?

Corriamo un rischio leghista e xenofobo. E la prova dell’imminenza del rischio è la presenza di Marco Romano oggi a Bari, nel teatro Petruzzelli, dove terrà una lectio magistralis sul tema “La città di Bari opera d’arte?”, per inaugurare il ciclo di manifestazioni per il bicentenario della fondazione del Murattiano. Se il Comune ha deciso di invitare Marco Romano ci sarà un motivo. E ci chiediamo quale peso avrà questo motivo nella strategia di rigenerazione urbana del quartiere Libertà, che è la zona di Bari con la maggiore presenza di immigrati. Romano, nel volumetto intitolato “La città come opera d’arte” (Einaudi) fa appello ai sindaci perché «ricorrano, per ripristinare la bellezza delle loro città, anche alle strade e alle piazze tematizzate di un tempo neppure lontano». Altrove spiega che, per esempio, una Venezia-Disneyland gli sta benissimo.
Ma il punto è: in quartieri come il Libertà, che ne facciamo dei giovani magrebini e delle ragazze gahnesi? Romano non ha dubbi: devono rinunciare alla loro identità. «Quanto poi all’integrazione – scrive – dei nuovi immigrati da fuori Europa, legati da clan intrecciati dal sangue o da tribù legate dalla fede, consisterà forse nel loro sciogliersi in una civitas dove da mille anni questi legami costituiscono una debole sfera privata, ma non hanno corso sociale».  Se non sarà così, «la partita sarà perduta e questa crescente ondata di nuovi arrivati farà delle nostre città il relitto di una civitas aperta, mobile e democratica, un’urbs assediata – come già succede – dalla galassia straniera delle comunità aliene asserragliate nei loro ghetti». Da una parte Omar, dall’altra Paperino.

Nel 2007 il fotoreporter Uliano Lucas ha percorso per settimane le strade del quartiere Libertà con la sua Leica: ha fotografato la bottega del sarto e il phonecenter dei senegalesi, il salone della parrucchiera nigeriana  e il soggiorno dell’insegnante. Della mostra-reportage “La città all’ovest”, nata da quella esperienza, scrive Lucia Miodini nella recente monografia Uliano Lucas (Bruno Mondadori ed., 2012): «Lucas restituisce il caos del quartiere: la sovrapposizione dei segnali stradali e dei manifesti pubblicitari; la disordinata mescolanza di strade e caseggiati. Più di ogni altra cosa dà dignità agli invisibili, accenna alle tante storie che quegli interni raccontano (…). Il lavoro fotografico sulla gestione della città si dimostra un importante contributo critico perché ci fa riflettere sulla vita e sull’abitare».

NICOLA SIGNORILE

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 28_11_2012

Le invasive biglietterie di Piazza Cesare Battisti

Una spericolata inversione di marcia nel Murattiano _ Oggi nuovo incontro sul vincolo

Se fosse stato già approvato il vincolo paesaggistico sui quartieri storici di Bari, quel lugubre lapidarium che è ora piazza Cesare Battisti non sarebbe mai stato realizzato. Né probabilmente il parcheggio interrato. Eppure la Soprintendenza ai Beni architettonici, che oggi propone il vincolo, all’epoca approvò il progetto del project financing che prevedeva la distruzione del giardino ottocentesco, nonostante le proteste popolari.

Cosa è successo? Perché la Soprintendenza ha cambiato idea? Più che di un cambio di rotta, di una inversione ad U si tratta: al paragrafo 2.2.3 della «Proposta di dichiarazione di notevole interesse pubblico dell’area centrale di Bari» (pp. 13 e 14) si legge infatti che: «la riqualificazione e la valorizzazione delle aree verdi, piazze, giardini e aiuole deve essere improntata alla salvaguardia della vegetazione esistente (…) conservando l’impianto delle specie arboree».

La realizzazione dei parcheggi interrati non è esclusa, ma «senza compromettere in alcun modo l’esistenza di alcuna alberatura». Il che, come è noto, non è avvenuto in piazza Cesare Battisti, tanto che la Regione aveva imposto una compensazione di verde il cui costo l’impresa Dec si rifiuta di affrontare. E in ogni caso avrebbe dovuto essere «salvaguardato il disegno architettonico delle piazze» mentre «l’introduzione di strutture di servizio (chioschi, gazebo, dehors, pergolati elementi di arredo…)» avrebbe dovuto avere «il carattere della precarietà e provvisorietà». Ma le  invasive biglietterie del parking, nella loro solida fisicità da villetta,  non hanno certo un carattere precario.

In anticipo di qualche giorno sulla apertura ufficiale della procedura di «inchiesta pubblica», prevista dalla Regione Puglia, oggi pomeriggio si torna a discutere della proposta, attivata dalla Soprintendenza  e condivisa dal Comune di Bari (con successiva dissociazione, ma senza resipiscenza). L’iniziativa è dell’associazione Italia Nostra insieme agli ordini degli ingegneri e degli architetti e al Fai. All’incontro, nel Castello normanno-svevo, parteciperà fra gli altri il soprintendente Salvatore Buonomo. Com’è largamente prevedibile, a catalizzare la discussione sarà il vincolo proposto per tutti gli immobili sorti prima del 1942: dalle prescrizioni sugli infissi all’obbligo di ricostruire tal quale ogni edificio demolito a Murat, come a Libertà e Madonnella, per non dir di Bari vecchia.

Tuttavia, sarebbe sufficiente avere a mente ciò che è avvenuto in piazza Cesare Battisti per capire che la proposta di vincolo non è solo  una minaccia al futuro dell’edilizia (come lamentano gli imprenditori) perché «ingessa il patrimonio immobiliare privato», ma anche un passo avanti rispetto alla consapevolezza del valore civile degli spazi pubblici, senza dover agitare i fantasmi di un  Murattiano largamente perduto. La maturazione del senso comune  forse oggi avrebbe portato i progettisti del parcheggio interrato a fare scelte diverse perché decisioni di questo genere – che si giocano sul terreno del paesaggio – sono sempre il risultato dei rapporti di forza tra potere pubblico e interessi privati. Ma possiamo dire che, a un decennio di distanza, i rapporti di forza siano mutati? Per un indizio positivo (i Programmi di riqualificazione delle periferie, per esempio) ce n’è almeno uno negativo (le case per i poliziotti, per esempio). E il saldo è sempre negativo.

Il giurista Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte costituzionale, è intervenuto di recente sul tema dei beni culturali, della tutela stabilita dalla legge fondamentale della Repubblica, e della loro «valorizzazione», come vuole la novità introdotta a partire dal 2001 nella Costituzione. «Lo sfruttamento eccessivo – dice Flick – della potenzialità economica del bene culturale, l’attenuazione o la scomparsa del vincolo di alienazione o di indisponibilità; il procedimento di silenzio-assenso; la spinta ai condoni e alle sanatorie; l’indifferenza agli abusi edilizi, alle alterazioni estetiche del paesaggio e dei centri storici; la perdita del ruolo dello Stato: sono tutti indici del rischio di indebolimento, se  non di disperdere una tradizione centenaria di prevalenza del bene pubblico sull’interesse privato. Occorre evitare una “controriforma” sbilanciata soltanto sull’efficienza e sulla logica di sfruttamento».

Ma la “controriforma” passa oggi innanzitutto  attraverso la giustizia amministrativa, le sentenze dei Tar e le decisioni del Consiglio di Stato. Dove si disputa un impari duello tra i principi evocati da Flick e i diritti invocati dall’interesse privato

NICOLA SIGNORILE