PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 06_08_2014

DSC_0039Vincolo a S. Chiara perso e ritrovato nel baule dei segreti _ Guerra di nervi per il Comune

E il provveditore tacque. Nessuna risposta ufficiale finora alla lettera del sindaco Antonio Decaro che invita a sospendere i lavori di ampliamento degli uffici del Genio civile a Santa Chiara, di fronte al castello. Quel cantiere potrebbe essere un reato e il provveditore alle opere pubbliche per la Puglia e la Basilicata, l’ingegner Francesco Musci, è al corrente del rischio almeno da dieci giorni, da quando ha ricevuto un’altra lettera, questa volta partita dalla direzione regionale dei Beni culturali, in cui si conferma l’esistenza di un vincolo sull’area che circonda il castello svevo, un divieto di costruire che risale al 1930. E ora sta per essergli recapitata la diffida a bloccare i lavori che Decaro ha sollecitato alla direttrice regionale dei Beni culturali, Maria Carolina Nardella.

continua a leggere

Rossani, Fuksas a mani libere. «La partecipazione non serve»

­

Render del progetto. Uno scorcio dell’area dell’ex Caserma Rossani

Il collettivo ex Caserma liberata contesta il contratto del Comune

Il primo acconto, 23mila euro e spiccioli, l’archistar lo incasserà al massimo tra 60 giorni. È solo un quinto di quanto Massimiliano Fuksas ha concordato con il Comune di Bari per progettare il primo stralcio dei lavori di trasformazione degli otto ettari della ex caserma Rossani.

continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 05_02_2014

20140204_143113La Rossani ora non è più un ostaggio _ Cosa cambia con l’occupazione

L’occupazione della Rossani è piombata come un macigno nell’acqua stagnante del dibattito pre-elettorale fra candidati veri, presunti o sedicenti alla poltrona di sindaco. L’occupazione della ex caserma (anzi la sua «liberazione», come dicono i giovani che ne hanno aperto i cancelli, sabato scorso) ha svelato tutto il vuoto che si nascondeva dietro gli slogan e il politichese, costringendo i competitori sulla scena a prendere posizione di fronte a un fatto nuovo, concreto, urgente, anzi immediato.

continua a leggere