Archivio mensile:Mag 2017

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 31_05_2017

Lopopolo, Grattacielo piazza Ferrarese, 1949

La voglia matta dei grattacieli in riva al mare _ I progetti rimasti nel cassetto 

Grattacielo: una voglia repressa per i baresi che si sono dovuti accontentare di immaginarlo per anni in quel palazzo appena più alto della media, ad angolo tra il corso Vittorio Emanuele e il corso Cavour, che i cittadini più maturi ricordano appunto come il «grattacielo della Motta». Sulla sommità si accedeva una insegna al neon della compagnia di bandiera dei panettoni. Quella pubblicità gigantesca rimandava al caffè e al ristorante che occupavano per interi il piano terra e il primo piano piano, pavimentati con piastrelle azzurre realizzate a Bari, dalla Ceramica Levante, in un forno elettrico di via De Nicolò: di un colore talmente bello che ne vollero uguali per gli storici locali della Motta in Galleria, a Milano.
continua a leggere

Annunci

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 24_05_2017

Nel Murattiano la nostalgia del secolo breve _ Paradossi della speculazione edilizia

La nostalgia è sempre a buon mercato. Non costa quasi nulla e va bene per ogni stagione. Così, la nostalgia della città perduta. E per Bari non la nostalgia della città vecchia, ma del borgo «murattiano» che suscita ricordi di profumati agrumeti nei cortili e acre risentimento verso chi ha partecipato alla selvaggia sostituzione edilizia negli anni del boom economico.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 17_05_2017

Prove tecniche della paura nella città blindata _ G7, sicurezza e spazio pubblico

«Cosa ci resterà di tutto questo?», si chiedevano i barivecchiani la settimana scorsa sforzandosi di di sopravvivere all’assedio dei ministri riuniti per il vertice del G7 Finanza nel Castello normanno-svevo. E pensando che presto sarebbe finita e la vita sarebbe tornata ai suoi tempi normali. Anche se il sindaco Decaro – siccome è andato tutto liscio sul fronte della sicurezza- già promette nuovi «eventi», come si dice dalla parti del marketing territoriale, e nonostante  l’«evento-G7» sia scivolato via pressoché inosservato sulla grane stampa internazionale.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 10_05_2017

palazzo De Florio in via Argiro 73 di Onofrio Mangini | foto dell’epoca del cantiere

E il Murattiano prese tutta un’altra piega _ Onofrio Mangini in via Argiro

Chissà che fine ha fatto quella selezione di 47 opere d’architettura moderna e contemporanea che il Comune di Bari s’era convinta a salvare da scriteriate ristrutturazioni, se non proprio demolizioni. L’elenco, compilato in attuazione della legge regionale 14/2008, era finito a marzo del 2014 nella variante di adeguamento del Piano regolatore al Putt/paesaggio però la Regione Puglia l’aveva stralciato. Ma non perché errato: necessitava di una delibera a sé. E invece è rimasto in un cassetto, come spesso accade alle migliori intenzioni, specie se non inseguono il consenso a buon mercato.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 03_05_2017

L’ex liceo Fermi nel 1965

Architetture per una città senza egoismi _ La scomparsa di Roberto Telesforo

Un assessorato all’architettura pubblica ed uno all’architettura privata invece degli attuali «Lavori pubblici»  e «Edilizia privata». Perché «Il primo dovere di una Amministrazione pubblica che realizzi opere è quello di ottenere la migliore qualità possibile. Per forma e funzionalità».  Sembra una provocazione ma Roberto Telesforo formulava la proposta con convinzione e con un candore che sorprendeva spesso i suoi interlocutori. Ne era così sinceramente convinto che l’ha messa, nero su bianco, fra le pagine di un libro intitolato «Uomini e pietre a Bari. Il benessere è una questione complessa».
continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: