Archivio mensile:marzo 2017

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 29_03_2017

Poliba Elements | schizzo di L. Netti

Studenti universitari all’ultima difesa dello spazio pubblico _ Il Poliba center e la Casa Fraccacreta

Lo student center del Politecnico rimane aperto fino a mezzanotte. L’annuncio ha elettrizzato il popolo dei social network e diviso le tribù giovanili. Molti temono un rapido «consumo» dello spazio finalmente conquistato in un ateneo che non offre altri spazi per lo studio individuale, in cui addirittura le aule sono chiuse a chiave, tra una lezione e la successiva. Il Poliba Student Center è utilizzato anche dagli studenti «cugini», quelli dei dipartimenti scientifici dell’Università che condivide il campus con Ingegneria e Architettura. C’è chi ipotizza già l’introduzione di badge e tornelli, cavalcando una deriva securitaria che ha contagiato tutto il mondo universitario italiano: basti pensare ai recenti fatti di Bologna, con la contestata chiusura agli «estranei» della biblioteca di Lettere. E l’università di Bari non ha certo rinunciato all’intenzione di ottenere la chiusura di piazza Cesare Battisti con i cancelli.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 22_03_2017

Foto di Gabriele Basilico

«Senza comunità dimissioni dall’urbanistica» _ Ferrara Mirenzi, l’esperto scomodo

Lasciò la poltrona di assessore all’urbanistica del Comune di Bari, nel 1987, perché capì che non c’era più nulla da fare: «Una cosa sono le politiche di sviluppo e una cosa sono le politiche per l’acquisizione del consenso – disse -. Qui al Sud la classe dirigente raccoglie consenso ma non stima: il contrario di quello che accade alle persone oneste». Luigi Ferrara Mirenzi, scomparso la settimana scorsa all’età di 79 anni, sapeva bene che le sue dimissioni non avrebbero cambiato il corso delle cose, ma non poteva acconsentire a mettere la sua firma ad atti che giudicava oltremodo dannosi per la città, come abbiamo avuto modo di constatare nei successivi trent’anni di vicende cittadine.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 15_03_2017

La Sirenetta a mare progetto degli architetti Chiaia e Napolitano 1957_1960

Mare di Levante prigioniero del passato ostile _ Parco urbano o lottizzazioni?

Sempre alla ribalta il futuro della costa di Levante. Progetti, studi e convegni si rincorrono e tutti insieme tentano il sorpasso, per arrivare al traguardo prima del nuovo piano urbanistico generale. Per mettere l’Amministrazione comunale e i suoi tecnici di fronte al fatto compiuto, secondo una strategia che fu già messa in atto con successo ai tempi del piano Quaroni.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 08_03_2017

scuola per l’area Falck, Sesto San Giovanni | RPBW

Una scuola salverà S. Anna dal disastro? _ Inarch: concorso scandaloso

Uno scandalo nello scandalo. La esclusione di Bari dal concorso di idee internazionale per le scuole innovative, poche ore prima della scadenza dei termini per la presentazione dei progetti, è «scandalosa», dice Francesco Orofino, vicepresidente dell’Istituto nazionale di architettura. Quella di Bari avrebbe dovuto essere la 52ma scuola del futuro, secondo il modello delineato da Renzo Piano. Ma non è detto che le altre 51 si realizzino, perché il concorso è… scomparso.
continua a leggere

PIAZZA GRANDE di Nicola Signorile | 01_03_2017

Case operaie: la colonia Alfredshof | schizzo di Mauro Amoruso

L’espansione soffoca le case popolari _ Il paradosso: alloggi vuoti, fitti alti

«Non siamo in presenza di una carenza di alloggi, anzi c’è una sovrabbondanza di appartamenti non affittati». L’affermazione che in apparenza smentisce il dogma della cosiddetta emergenza abitativa è di uno che di edilizia e di urbanistica se ne intende. Franco De Lucia, oggi presidente dell’Uppi (l’associazione dei piccoli proprietari di immobili), è stato in passato sindaco di Bari. Erano gli anni Ottanta, gli anni in cui muoveva i primi passi la variante generale al Piano regolatore di Bari, che porta la firma di Ludovico Quaroni. Erano gli anni in cui si mettevano all’incasso le prime «lettere di credito» della speculazione fondiaria, grazie ad una politica urbanistica iperespansiva, congegnata per il mito della Città-Regione.
continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: